Difference between revisions of "Storia in dettaglio"

From Hattrick
 
Line 1: Line 1:
{{non-English}}
+
{{non-English|lang=Italiano}}
  
 
[[Image:Images.jpg]] Torna alla pagina [[Garghi team]]
 
[[Image:Images.jpg]] Torna alla pagina [[Garghi team]]

Latest revision as of 17:24, 24 February 2009

This article written in Italiano needs to be translated into English. If you are bilingual and able to translate this page, you can help the Wiki by translating the text. For information on how to edit pages, please view the Getting started page.

Images.jpg Torna alla pagina Garghi team

L'era Haj-Ibrahim[edit]

Le prime sette stagioni vengono identificate come "era" dagli esperti calcistici. E' l'era di un allenatore, di uno svedese col nome che di nordico ha ben poco e che imposta un gioco soprattutto difensivista con palesi problemi per la realizzazione. "Un personaggio" lo definiscono i suoi collaboratori, capace di provare gli schemi e le tattiche nei posti più impensati, pur di mantenere alta l'attenzione dei giocatori. Sono anni di grandi soddisfazioni per il club e per i tifosi. Nel giro di 5 stagioni si passava dalla X serie alla VI, complice anche una riorganizzazione dei campionati che non darà la soddisfazione di vincere anche la IX serie. Nascevano in questo periodo le prime stelle sotto i riflettori del Ferraris Arena. Parliamo di gente come Liano, Tomse, Palacìn oppure Boscolo. La necessità di un rinnovamento e la scarsità di risultati nell'ultimo periodo, saranno la causa della decisione consensuale di separazione tra il tecnico e la società.

La fondazione[edit]

In una serata del novembre 2005 il sig. Garghi e i maggiori futuri azionisti si riunirono nel bar in fondo a Via Saporiti per decidere sul da farsi. La volontà di fondare una squadra di calcio che riuscisse a sfondare in Hattrick era forte, ma ci volevano fondi e risorse. Si decise di iniziare con un piccolo investimento, giusto per tastare il terreno. Compilato un documento con tutte le volontà, i diritti e i doveri di ogni socio, e ottenute le firme di tutti i partecipanti, quello che ormai era il Pres. Garghi si fece portare da bere e offrì per tutti. La squadra ebbe origine due mesi dopo, causa trafile burocratiche, partendo dalla nuova serie creata, la X.

Stagione 28 Serie X.281[edit]

La prima stagione fu all'insegna della gloria. Nella sua prima esperienza la garghi team si comportò da vera leader, anche se la prima posizione venne ottenuta solo all'ultima giornata! Ci furono molti acquisti durante l'anno, tra cui molti pezzi da 90 come Liano, Palacìn o Tomse. Venne rafforzata la difesa e l'attacco. Insomma, una vera e propria rivoluzione. La stagione fu quasi tutta a senso unico e da questi momenti arrivano le serie di vittorie consecutive più lunghe. L'esordio arriva alla seconda giornata, una vittoria per 2 a 1 contro elbasanikampion. Alla quarta giornata c'è lo scontro diretto con quella che sarà la più pericolosa avversaria, Gianx United. E arriva anche la vittoria per 3 a 1. La cavalcata prosegue fino alla nona giornata quando una prima battuta d'arresto fa tremare la società, anche per la vicinanza di Gianx. Dopo un'altra vittoria ci sarà il crollo in casa dell'avversaria diretta e il sorpasso di quest'ultima in testa alla classifica. Per tre partite si deve soffrire, per cercare la prima posizione, tenuta meritatamente per metà anno. Poi all'ultima giornata, arriva il pareggio di Real Sant'Ermete in casa di Gianx al 69° e gli spalti a Genova esplodono! Anche se si avrà da soffrire ancora per 20' dopo il secondo gol di Adler1900 ai nostri danni, che conducevamo 3 a 1. E' prima posizione! E' qualificazione in nona!

Stagione 29 Serie VIII.1379[edit]

Mesi di subbuglio e di trasformazioni. Con la riforma dei campionati decisa dall'alto, si faceva un doppio salto, in virtù della vittoria della passata stagione. Si approdava così in VIII serie con una squadra confermata in blocco, e si cercava ancora una volta di meravigliare. E ci si riusciva, con un debutto col botto: 6 a 0 al Pepponji F.C. Nelle prime tre partite si segnavano 15 gol e se ne subiva uno solo! Poi arrivava il primo stop stagionale, il pareggio fuori casa con Biella Nachos, diretta concorrente. Da qui si collezionavano 6 successi consecutivi segnando una media di 3 gol a partita, fino all'undicesima giornata quando, di nuovo contro Biella, si subiva una sonora sconfitta per 3 a 0. La società stupita quanto contrariata diede lo sprone per le ultime tre partite, tre vittorie. Si concludeva nuovamente primi a 37 punti (5 da Biella secondo a 32) e con 47 gol all'attivo e solo 9 al passivo. Cristofaro trascinatore e vincitore della classficia cannonieri con 15 gol.

Stagione 30 Serie VII.33[edit]

Quest'anno le cose si facevano più difficili, le squadre erano più forti, anche se in media la serie era abbordabile. Obiettivo principale dunque la salvezza sicura prima, un terzo posto poi. Nella prima partita si liquidava l'altra neo-promossa, Real Panzer con un 2 a 0 secco. Ma ecco che già alla seconda giornata arrivava la batosta: 1 a 0 fuori casa contro new gamblers. La partita successiva era, invece, una bella vittoria per 3 a 2 contro quella che sarà la prima in classifica, Animal Factory. Nelle partite tra questa e il ritorno arrivavano 3 vittorie e 4 sconfitte, bilancio non proprio positivo. Nel ritorno con Factory ci imponevamo per 2 a 1 in casa loro e poi arrivava un'altra sconfitta. A questo punto eravamo terzi. Con la vittoria nell'ultima giornata, potevamo, a seconda degli altri risultati arrivare tra la seconda e, addirittura la quinta posizione. Quindi o essere promossi o fallire l'obiettivo della terza posizione. La classifica delle prime 6 posizioni, prima dell'ultima giornata si presentava così:

25 Animal Factory 23 Martulotti 22 garghi team 22 Real Panzer 20 A.C. Milan 2004 18 new gamblers

Milan vinceva contro la settima e ci sorpassava nel frattempo anche Martulotti stava disperatamente inseguendo i padroni di casa nella sua partita. Poi al 51° Cristofaro segnava e la gioia esplose! Qualificarsi in VI sembrava possibile anche se la società sembrava in dubbio per le risorse finanziare necessarie per reggere la serie e avrebbe preferito rimanere in VII. All'83° riesplodevano gli spalti del Luigi Ferraris Arena dopo il gol di Cristofaro. 2 a 0! E all'84° Martulotti segnò il 3 a 2. Eravamo di nuovo terzi. Obiettivo centrato alla grande!

Stagione 31 Serie VII.33[edit]

Questa volta si puntava alla promozione, fiduciosi delle proprie possibilità. Si comincia con 8 vittorie consecutive, una media gol stupefacente e 0 gol subiti. Tra queste partite c'era anche la vittoria fuori casa con Atletico DAG che sarà l'avversaria principale di quest'anno. Alla nona giornata, forse inevitabile dati i ritmi di lavoro, la prima sconfitta per 3 a 1 nel campo di Real Panzer. Dopodiché si ricominciava la trionfale cavalcata, intervallata solo dal pareggio in casa per 3 a 3 con Atletico DAG, in una partita strabiliante: in vantaggio per 2 a 0, passavamo al 2 a 1, Palacin segnava il 3 a 1 e infine all'81° e 83° subivamo il pareggio. Con il bottino di 12 vittorie un pareggio e una sconfitta, 55 gol fatti e 8 subiti, approdavamo in sesta, il livelo più alto mai raggiunto.

Stagione 32 Serie VI.318[edit]
Formazione tipo nella stagione 32
Tipo VI copy.jpg

La VI serie, questa sconosciuta. La garghi team approdava per la prima volta nella sua storia in questa serie decisa a fare bene, ma consapevole dei suoi limiti. Nessun nuovo acquisto dopo la passata stagione e, come già successo, squadra confermata in blocco. L'obiettivo era, ovviamente la salvezza. L'esordio fu positivo e diede fiducia: vittoria per 2 a 1 contro Senza na casa, che rimaneva comunque un'altra neo-promossa. Questa vittoria fu possibile anche grazie alla strigliata che l'allenatore e la società darà ai giocatori dopo l'uscita dalla coppa al primo turno. Seguiva una striscia di 3 sconfitte consecutive, che avrebbero tagliato le gambe a chiunque. Alla quinta giornata tornavamo alla vittoria contro AC Fonzaso, grazie ai gol di Sandy Tennyson e Claudio José Liano. Dopodiché seguivano 6 partite in cui si alterneranno 3 vittorie e 3 sconfitte. Le ultime 3 giornate, invece sono all'insegna della gloria per la garghi team. 3 vittorie consecutive che regalano il 3° posto ai rossoblù. E la festa ebbe inizio per il miglior piazzamento mai ottenuto dalla squadra.

Stagione 33 Serie VI.318[edit]

Un anno che si apriva con mille speranze, vista la bella figura della precedente stagione, nostro primo anno in sesta. Speranze che invece venivano deluse, un pò per sfortuna e un pò per nostra debolezza in campo. Come ormai è successo già altre volte, il gruppo veniva riconfermato, senza alcun innesto, ma questa volta pagammo questa scelta. Si capisce fin dall'inizio che quest'anno l'obiettivo è la salvezza. Girone d'andata con questo parziale: 1 vittoria, 2 pareggi e 4 sconfitte. Il peggiore parziale che la garghi team abbia mai conosciuto. Il girone di ritorno invece vedeva una sorta di miglioramento con 4 vittorie e 3 sconfitte. Risultato: salvezza raggiunta anche largamente, con il rischio di arrivare quinti. Ma tutto questo non soddisfava la società che cercherà di trovare soluzioni vincenti per l'anno successivo.

Stagione 34 Serie VI.318[edit]

Una stagione ancora difficile per la garghi team che dopo un girone di andata positivo, ma con difficoltà di forma notevoli, si bloccava, perdendo appuntamenti importanti, in un girone di ritorno che vide 4 sconfitte consecutive 2 pareggi e una sola vittoria. Una salvezza fortunata, raggiunta alla penultima giornata (dopo l'ennesima sconfitta). Si sperava a questo punto in un buon sorteggio per i 3 nuovi arrivati della 35a stagione. Stagione comunque di grandi cambiamenti con la partenza di Tomse e Palacìn, due tra i migliori centrocampisti e l'arrivo di due giovani, ma ancora acerbi; il calo dunque poteva essere fisiologico, ma si sperava in qualcosa di più, soprattutto dopo la fine del girone di andata. E' l'anno di riscossa per Obrecht e Mombelli che con le partenze, possono aspirare a posti da titolari.

Un nuovo corso[edit]

Il cambio alla guida della panchina, avvenuto proprio all'inizio della stagione 35, sembrava portare linfa fresca e nuove motivazioni alla società e ai giocatori. L'arrivo del portoghese Hélder Barroso alla guida della squadra segnava anche un'importante rivoluzione all'interno della rosa, spogliata di molti dei suoi veterani per far posto a gente fresca e soprattutto proveniente dal vivaio giovanile, piuttosto che da fuori.

Stagione 35 Serie VI.318[edit]

Finalmente una riscossa dopo anni di sofferenza. Arrivava un 4° posto insperato. Nonostante la bella partenza infatti, nel girone di ritorno la squadra si sedeva e cominciava un trend negativo. Si pensava ovviamente solo alla salvezza. Fortunatamente arrivava invece un piazzamento migliore di quello che si presentava ormai da due stagioni. E' di nuovo un anno in cui la squadra si muove molto sul mercato, mandando via giovani a farsi le ossa, ma anche giocatori storici come, Boscolo o Anderson, sopperendo con arrivi importanti come Iversen e Rocca. Mai la squadra era stata così attiva sul mercato. Importante inoltre il raggiungimento del 4° turno in coppa, finora mai raggiunto.