User:Lucaxvi/Sandbox2

From Hattrick
PSV Milano (723269)
LogoPSVM.png
I blubarrati
Segni distintivi
Uniformi di gara
Psvm-kit-home.png Psv2.png
Colori socialiIcon PSVMilano.jpg Blu cobalto e bianco
Dati societari
PaeseItalia Italia
RegioneLombardia
SerieIII.14
Fondazione10 Gennaio 2012; 25 stagioni fa
PresidenteItalia LucaXVI
AllenatoreItalia Valerio Sani
StadioGiuseppe Campari
(68.800 posti)
Palmarés
Stagione 68 Stagione 64 Stagione 62 Stagione 60 Stagione 59
Stagione 55 Stagione 53 Stagione 52 Stagione 51

Il PSV Milano, noto anche come PSVM, è un club italiano di Hattrick fondato il 10 Gennaio 2012 da LucaXVI, con sede in Lombardia. La squadra attualmente milita in III.14 serie e detiene nove vittorie di campionato; è allenata da Valerio Sani e gioca le partite casalinghe nello stadio Giuseppe Campari.

Storia[edit]

L'ascesa del PSV sulla piramide di Hattrick.

La fondazione e la rapida ascesa[edit]

La squadra viene fondata il 10 gennaio 2012 da LucaXVI con il nome Seleçao Baronia 90, a quattro giornate dal termine della stagione 47. L'esordio assoluto del club avviene in campionato il 14 gennaio, dove la squadra subisce una sonora sconfitta per 6 reti a 1. Conclude il campionato in quinta posizione, iniziando a impostare il primo ciclo di allenamento in regia sotto la guida di Filippo Fata, il primo allenatore della squadra.

All'inizio della stagione 48 il club viene rinominato in S.S. Juve Stabia. Il club disputa un'ottima stagione, grazie anche alla presenza di quattro squadre bot nel girone, e arriva secondo con 36 punti. Grazie a questo ottimo campionato la squadra ottiene la sua prima promozione nella prima stagione disputata completamente, accedendo alla IX serie tramite ripescaggio.

Nella stagione 49 la panchina della squadra viene affidata allo svizzero Clement Fallot, il primo allenatore di livello buono del club. Dopo una stagione molto combattuta la squadra riesce nelle ultime giornate ad agguantare la terza posizione, ottenendo così la seconda promozione d'ufficio consecutiva in altrettante stagioni di vita del club. Pim Werbrouck si ritaglia un ruolo da protagonista in questa impresa: i 13 goal segnati in quel campionato gli varranno, dopo il ritiro, un posto speciale nella Hall of Fame ufficiale della società.

Poco più tardi, all'alba della stagione 50, la squadra viene rinominata definitivamente in PSV Milano. La stagione non comincia nel migliore dei modi; nel girone di ritorno però la squadra scala la classifica, recuperando 4 posizioni e sfiorando la conquista del primo campionato del club; alla fine però il PSV si deve accontentare della quarta posizione, seppur a pari punti con la seconda e la terza classificata. Nella pausa di fine stagione il presidente rivoluziona la rosa con importanti operazioni di mercato volte a svecchiare e migliorare la squadra, con il chiaro intento di conquistare il titolo nella stagione successiva.

Nella stagione 51 avviene il debutto assoluto in Coppa Italia della squadra: il PSV supera le aspettative della dirigenza e della tifoseria ed ottiene una storica vittoria per 1-0. Il campionato è molto combattuto, ma la lotta per la prima piazza diventa sin da subito affare esclusivo tra PSV Milano e Trash Team. La squadra friulana si dimostra un avversario coriaceo per i milanesi, e infatti riesce ad espugnare il Campari alla settima di campionato e ad ottenere un combattutissimo pareggio per 3-3 sette giorni dopo. PSV tuttavia fa meno fatica contro le altre squadre del girone e riesce a vincere il campionato con una giornata di anticipo, ottenendo il primo trofeo della storia della squadra.

Poi nella stagione 52 il PSVM ingaggia il primo coach carismatico del club, Christian Kramer, e il primo trequartista, Štefan Frčka; la squadra dispone così di un centrocampo inaspettatamente forte. PSV dimostra da subito di poter essere una delle pretendenti al titolo e infatti disputa una stagione di altissimo livello, nonostante alcuni evitabili errori nella gestione del team spirit dettati dall'inesperienza del manager. Dopo un avvio equilibrato del campionato il PSV Milano allunga il passo nel girone di ritorno con ben 6 vittorie su sette, e conclude primo nella serie VII.30. I blubarrati ottengono così il secondo titolo e la seconda promozione consecutivi, che è anche la quarta promozione in sole cinque stagioni complete di gioco.

La lotta ai vertici della VI[edit]

Tabellino spareggio (s.53)

Nella stagione 53 la squadra approda in VI.863 e con un po' di fortuna il campionato si mette subito sui binari giusti, grazie soprattutto al raggiungimento del quarto turno di Coppa. La stagione del PSV finisce con 10 vittorie e 32 punti all'attivo, mancando la promozione diretta. Le aspettative per il play-off sono positive e con la rete del momentaneo vantaggio arrivata al 51' gli uomini di Kramer sembrano già essere con un piede in V serie; un'espulsione e due infortuni patiti nel finale però sgretolano gli sforzi di tutta la stagione in appena dieci minuti: la rete del pari all'88' e il goal del definitivo vantaggio avversario al 92' nell'extra-time negano a LucaXVI la gioia della terza promozione consecutiva.

Nella stagione 54 il presidente riparte da zero, rinnovando totalmente il quintetto di centrocampo. La squadra fatica, la gioventù e la poca qualità in mezzo al campo pesano, e i risultati e le prestazioni sono deludenti: PSV Milano esce dalla coppa appena al secondo turno e disputa un campionato sottotono, raccogliendo faticosamente la seconda posizione e concludendo a ben sei punti dalla capolista, spizzico team, che perde poi lo spareggio per la promozione. A fine stagione Kramer lascia la panchina del PSV all'ungherese András Jadlóczky.

I sacrifici vengono ripagati nella stagione 55, nella quale il PSV Milano domina il campionato con 11 vittorie, due pareggi, ed una sola sconfitta, subita alla prima giornata contro spizzico team; terminerà la stagione imbattuto da 12 partite (in virtù della sconfitta subita al terzo turno di Coppa Italia) e con una striscia vincente di sei partite consecutive. Il sostanzioso bottino di 35 punti al termine della stagione garantisce alla squadra l'accesso diretto alla V serie, tra le migliori 2728 squadre d'Italia.

In V serie: ristagno e rilancio[edit]

La stagione 56 è sicuramente la più complicata vissuta sino ad ora dalla società. Jadlóczky approda in V con grandi ambizioni, forte del dominio della stagione precedente, con l'obiettivo dichiarato della top-4. La squadra però fatica a far punti, sopratutto fuori casa (dove ne otterrà solo 3 nell'arco di tutto il campionato), e arriva al giro di boa con 9 punti, ottenuti nei tre match casalinghi in calendario. Nel girone di ritorno la squadra sprofonda definitivamente: nelle successive cinque partite di campionato il PSV raccoglie soltanto un punto, e precipita quindi in settima posizione. Con ancora due partite da giocare e con due punti da recuperare alla sesta classificata, i ragazzi di Jadlóczky capiscono che è il momento di tirare fuori il cuore: e così grazie a due magnifiche prestazioni la squadra agguanta all'ultimo la sesta posizione, salvandosi dalla retrocessione diretta. L'ultimo scoglio della stagione è lo spareggio, che però PSV Milano supera agevolmente vincendo 3-1.

Anche la stagione 57 comincia in salita per il PSV con tre sconfitte consecutive; a metà stagione la squadra milanese è penultima, davanti solo ad una squadra bottizzata. Nel girone di ritorno però i blubarrati riscattano il loro onore, grazie soprattutto al duo di attacco Hržina-Kroon (14 goal insieme in campionato), e terminano la stagione al sesto posto, distanziati però di soli 2 punti dalla seconda classificata. Per la seconda volta consecutiva il PSV conferma la salvezza allo spareggio, superando l'avversario per 5-0. Al termine della stagione Eldon van Rooij viene nominato nuovo allenatore del club.

Grafico posizioni V.182 (s.58)

Nella stagione 58 suona una musica totalmente diversa. Con un convincente avvio di stagione il PSV si inserisce subito nella lotta al titolo contro CSKA Palermo e LBNTL e, nonostante l'handicap della prematura eliminazione in Coppa Italia, la lotta è serrata e avvincente, i tre contendenti si scambiano di posizione ad ogni giornata, ma purtroppo alla fine la spunta proprio LNBTL, vincendo il campionato con un punto di vantaggio sui blubarrati. Nonostante la delusione finale la stagione 58 costituisce un momento di svolta nella storia del PSV Milano che, dopo due stagioni di torpore e indolenza, rilancia le sue valutazioni con una media di 330 hatstats in campionato.

PSV Milano conferma il trend positivo nella stagione 59, nella quale inoltre avvia i primi tentativi di trading. La squadra supera per la prima volta le 400 hatstats (segnando il record alla seconda di campionato) e raggiunge una media di 374 hatstats in campionato; inoltre raggiunge raggiunge il quinto turno di Coppa Italia, altro nuovo record. In campionato però la squadra milanese arranca, raccogliendo meno punti di quanto meriterebbe. Nelle prime tre partite infatti il PSV ottiene solamente un punto, poi però con una entusiasmante e travolgente rimonta, concretizzatasi soltanto all'ultima giornata di campionato, riesce a superare i validissimi rivali LBNTL, Catania DT e soprattutto AU Spritz, tornando finalmente a vincere un campionato dopo ben tre stagioni a bocca asciutta. Lo spareggio per la promozione vede i blubarrati perdere 7-2, condannati quindi a giocare per la quinta stagione consecutiva in V serie.

La stagione 60 è senza dubbio la più dominante, e forse anche la più noiosa, mai giocata dal club: grazie alle difficoltà dei rivali (Spritz rifonda la squadra e Catania subisce l'ira del Dio Random) e all'ulteriore crescita del team, il PSV detta legge in ogni campo, subendo soltanto una sconfitta e due pareggi. I blubarrati vincono il campionato con tre giornate di anticipo senza mai aver avuto un vero rivale, ottenendo finalmente la promozione in IV serie tra le 680 migliori squadre di Italia.

Nel Gotha di Hattrick[edit]

Nella stagione 61 il PSV debutta in IV serie, nel miglior 2% delle squadre d'Italia: una cerchia ristrettissima di utenti a cui soltanto i migliori possono aspirare. I blubarrati non sfigurano, grazie anche alla presenza di tre semi-bot nel girone, e concludono la stagione in terza posizione, mentre in Coppa Italia procedono fino al quinto turno.

Nella stagione 62 la musica cambia in IV.32 con l'arrivo di squadre competitive, ma il PSV non si fa trovare impreparato: con il nuovo allenatore Jakub Šebesto e con gli opportuni rinforzi infatti la squadra milanese si fa subito sotto per il primo posto, vincendo le prime tre partite di campionato. In Coppa poi il PSV raggiunge per la prima volta il sesto turno, dove si assegnano i primi premi di partecipazione. Il bottino finale di 29 punti è sufficiente ai milanesi a vincere per la prima volta il campionato di IV serie.

Le premesse dello spareggio per la promozione in III sono molto positive per il PSV, che per sfruttare appieno il bonus derby acquista appositamente il centrocampista utopico Lapo Ligorio. I blubarrati vanno in vantaggio al 5° minuto proprio grazie a Ligorio, ma subito dopo arriva il pari della squadra casalinga, e poi ancora il goal del definitivo 2-1 (583532335). L'infortunio proprio di Lapo nel secondo tempo condanna definitivamente il PSV Milano ad affrontare la IV per la terza stagione consecutiva.

Soccer Field Transparent Half.png

Rozmahel
Korona
Defrère
Mortka
Hon
Kenny
Moreno
Demirtaş
Beaurain
Roozen
Henneaux
L'undici vittorioso in quel di Arezzo (s.64)

La stagione 63 è altrettanto positiva: la squadra milanese raggiunge per la prima volta il settimo turno di coppa e lotta fino alla fine per la vittoria del campionato. La vittoria in entrambi gli scontri diretti contro la capolista e il bottino finale di 30 punti però non sono abbastanza e il PSV conclude la stagione in seconda posizione.

L'inizio della stagione 64 è assolutamente dominante per i blubarrati che ottengono 7 vittorie consecutive in campionato e raggiungono il sesto turno di coppa: la marcia del PSV sembra inarrestabile. Nella seconda parte di campionato però complici il random avverso e un crollo di forma e poi anche della fiducia il PSV raccoglie soltanto un punto in cinque partite, pur mantenendo la prima posizione. Nelle ultime due giornate i milanesi ottengono due larghe vittorie che gli permettono di vincere il campionato per differenza reti, a pari punti con la seconda classificata.

Il quarto spareggio è finalmente quello buono: gli uomini di Šebesto riescono a pareggiare il centrocampo degli avversari aretini del FC Willys nonostante l'handicap di giocare in trasferta e vincono meritatamente per quattro reti a due, accedendo così per la prima volta alla III serie tra le migliori 168 squadre italiane.

Nella stagione 65 il PSV Milano debutta in III serie. Il campionato inizia positivamente con i blubarrati che siedono nella parte alta della classifica per buona parte del girone di andata, raggiungendo inoltre il settimo turno di Coppa Italia; nella seconda metà di stagione però i risultati arrivano a fatica e la squadra scivola in quinta posizione, dove rimarrà fino al termine della stagione.

Nello spareggio per la salvezza i blubarrati affrontano un modesto 3-5-2 CA che in circostanze normali sarebbe stato superato agevolmente dalla compagine di Šebesto; ma quel 19 di Agosto non è un giorno normale: il PSV riesce a prendere contro ben tre special event e perde per 4 reti a 2. Dopo 67 mesi di Hattrick, dopo 19 stagioni di scalata verso la vetta, questo risultato sancisce la prima retrocessione del PSV Milano nella sua lunga storia di successi.

Cronistoria[edit]

Cronistoria del PSV Milano
  • Stagione 47 - 5° in X.1066
  • Stagione 48 - 2° in X.1066 Green Arrow Up.svg.png Promosso d'ufficio
  • Stagione 49 - 3° in IX.660 Green Arrow Up.svg.png Promosso d'ufficio
  • Stagione 50 - 4° in VIII.1918
  • Stagione 51 - Campione della serie 1° in VIII.1918 Green Arrow Up.svg.png Promosso direttamente
2° turno (8192esimi) di Coppa Italia
  • Stagione 52 - Campione della serie 1° in VII.30 Green Arrow Up.svg.png Promosso direttamente
2° turno (8192esimi) di Coppa Italia
  • Stagione 53 - Campione della serie 1° in VI.863
4° turno (2048esimi) di Coppa Italia
  • Stagione 54 - 2° in VI.863
2° turno (8192esimi) di Coppa Italia
  • Stagione 55 - Campione della serie 1° in VI.863 Green Arrow Up.svg.png Promosso direttamente
3° turno (4096esimi) di Coppa Italia
  • Stagione 56 - 6° in V.182
2° turno (4096esimi) di Coppa Italia
1° turno (2048esimi) di Coppa Appennini
  • Stagione 57 - 6° in V.182
2° turno (4096esimi) di Coppa Italia
2° turno (1024esimi) di Coppa Appennini
  • Stagione 58 - 2° in V.182
2° turno (4096esimi) di Coppa Italia
1° turno (2048esimi) di Coppa Appennini
  • Stagione 59 - Campione della serie 1° in V.182
5° turno (512esimi) di Coppa Italia
7° turno (64esimi) di Coppa Appennini
  • Stagione 60 - Campione della serie 1° in V.182 Green Arrow Up.svg.png Promosso direttamente
4° turno (1024esimi) di Coppa Italia
6° turno (64esimi) di Coppa Mediterraneo
  • Stagione 61 - 3° in IV.32
5° turno (512esimi) di Coppa Italia
4° turno (1024esimi) di Coppa Appennini
  • Stagione 62 - Campione della serie 1° in IV.32
6° turno (256esimi) di Coppa Italia
6° turno (256esimi) di Coppa Alpi
  • Stagione 63 - 2° in IV.32
7° turno (128esimi) di Coppa Italia
  • Stagione 64 - Campione della serie 1° in IV.32 Green Arrow Up.svg.png Promosso dopo spareggio
6° turno (256esimi) di Coppa Italia
7° turno (128esimi) di Coppa Alpi
7° turno (128esimi) di Coppa Italia
10° turno (16esimi) di Coppa Italia
  • Stagione 67 - 3° in IV.33
6° turno (256esimi) di Coppa Italia
9° turno (32esimi) di Coppa Alpi
  • Stagione 68 - Campione della serie 1° in IV.33 Green Arrow Up.svg.png Promosso direttamente
6° turno (256esimi) di Coppa Italia
9° turno (32esimi) di Coppa Alpi
  • Stagione 69 - 6° in III.14
5° turno (512esimi) di Coppa Italia
5° turno (256esimi) di Coppa Appennini
  • Stagione 70 - 4° in III.14
9° turno (32esimi) di Coppa Italia

Strutture[edit]

Vista aerea del Campari

L'impianto sportivo Giuseppe Campari ospita le partite casalinghe del PSV Milano. Ha una capacità di 68.800 spettatori ed ha subito l'ultimo ampliamento il 17 agosto 2017. L'impianto è stato dedicato al celebre pilota automobilistico milanese, e nella struttura dominano i colori sociali ufficiali: il blu e il bianco. È stato costruito nello stesso periodo della fondazione del club, benché la sua attuale capienza sia stata raggiunta soltanto attraverso vari programmi di modernizzazione attuati per tutta la durata della gloriosa storia della squadra.

Il 23 giugno 2018, undicesima giornata della stagione 68, è stato registrato il primato di affluenza, quando tutti i 68.800 posti dell'impianto sono stati riempiti dagli spettatori della partita contro FC Custins.

Le partite della primavera si giocano all'Ascari Park, un impianto di dimensioni ridotte che può ospitare fino a 300 spettatori.


Giocatori[edit]

Pim Werbrouck dopo il ritiro

Hall of hame[edit]

Belgium Pim Werbrouck (265998977) — L'attaccante belga viene ricordato come un infallibile colpitore di testa ed il miglior uomo d'area del PSV Milano. Ebbe un ruolo chiave nella storica promozione in VIII serie ed anche, soprattutto, nella salvezza ottenuta la stagione seguente. Raccolse 49 presenze in competizioni ufficiali con la maglia blubarrata e segnò il primato di goal fatti in una stagione, avendo battuto l'estremo difensore avversario per ben 13 volte durante la stagione 49 (record eguagliato soltanto nella stagione 61 da Federico Cau). È stato inserito nella Hall of Fame ufficiale del club il 6 Settembre 2013 all'età di trentotto anni, dopo aver trascorso le sue ultime cinque stagioni agonistiche con la maglia blubarrata. Attualmente esercita funzioni amministrative e rappresentative per la società del PSV.

Giocatori celebri[edit]

Italia Paolo Gai (349907583) — Generato nella rosa di default alla creazione della squadra primavera, Paolo è stato l'unico giocatore delle giovanili a proseguire la sua carriera in prima squadra. Guidò la squadra nel periodo di maggior successo: tra le stagioni 49 e 53 infatti ottenne 3 promozioni e 3 primi posti, indossando la maglia blubarrata ben 77 volte prima di essere venduto per € 2.383.000, una delle cifre più alte mai pagate per un giocatore del vivaio del PSV Milano (superata solo nella stagione 71 da Jimmy Sanne, venduto a 17 anni per € 3.289.500).

España Sergi Parra (203470706) — Lo spagnolo Sergi Parra è tra i migliori marcatori della storia del PSVM, avendo segnato 31 reti in match ufficiali tra le stagioni 50 e 55; ottenne inoltre il premio di miglior marcatore della serie VII.30 durante la 52esima stagione. Epica fu la sua ultima apparizione in campionato, avvenuta nella stagione 55, quando deliziò il pubblico venuto ad omaggiarlo per il suo addio al calcio giocato segnando addirittura quattro reti.

Bulgaria Ivan Gigov (274574250) — Gran terzino e colpitore di testa, Ivan è diventato uno dei giocatori più rappresentativi del club tra le stagioni 52 e 58 grazie alle sue 95 presenze in match ufficiali. Inoltre è stato tra i protagonisti di uno dei periodi migliori del PSV, avendo ottenuto due promozioni e tre vittorie di campionato con la squadra milanese.

Allenatori[edit]

Partite V P S %V GF GS DR Stagioni Promoz Trofei
Italia Filippo Fata (192598932) 21 16 0 5 76.2% 99 33 66 47 – 49 1
Schweiz Clement Fallot (51006835) 41 26 5 10 63.4% 135 68 67 49 – 51 2 1
Österreich Christian Kramer (144818789) 52 33 6 13 63.5% 129 95 34 52 – 54 1 2
Magyarország András Jadlóczky (192986668) 53 29 4 20 54.7% 156 94 62 55 – 57 1 1
Nederland Eldon van Rooij (204262565) 74 50 9 15 67.6% 284 130 154 58 – 61 1 2
España Sergi Parra (203470706) 1 1 0 0 100% 1 0 1 62
Slovensko Jakub Šebesto (365728826) 131 84 9 38 64.1% 498 235 263 62 – 66 1 2
Deutschland Izidor Demiček (240902254) 57 34 8 15 59.6% 197 95 102 67 – 69 1 1
Polska Roman Nieciąg (262139300) 1 0 0 1 0.0% 0 4 -4 69
Italia Valerio Sani (297620678) - - - - - - - - 70 –
431 273 41 117 63.3% 1499 754 745 8 9

Palmarès[edit]

Competizioni nazionali[edit]

  • Division IV.PNG Campionato IV Serie: 3
Stagione 62 (IV.32); Stagione 64 (IV.32); Stagione 68 (IV.33)
  • Division V.PNG Campionato V Serie: 2
Stagione 59 (V.182); Stagione 60 (V.182)
  • Division VI.PNG Campionato VI Serie: 2
Stagione 53 (VI.863); Stagione 55 (VI.863)
  • Division VII.PNG Campionato VII Serie: 1
Stagione 52 (VII.30)
  • Division VIII.PNG Campionato VIII Serie: 1
Stagione 51 (VIII.1918)

Premi individuali[edit]

  • Goldenboot-old.PNG Capocannoniere campionato: 4
Muzaffer Seyyal (Stagione 51, 9 reti); Sergi Parra (Stagione 52, 12 reti); Severijn van Hattem (Stagione 55, 10 reti); Cas Roozen (Stagione 64, 16 reti); Rathana Ouk (Stagione 70, 9 reti)

Statistiche e record[edit]

Statistiche di squadra[edit]

La più larga vittoria della squadra si è verificata al primo turno di Coppa Italia della stagione 62, quando i blubarrati hanno superato la formazione avversaria per 12 reti a 0. La sconfitta più pesante è stata invece registrata al quarto turno di coppa della stagione 53 contro Lauretana@Bogliasco, che vinse 0-11.

Il maggior trasferimento in uscita è stato quello di Čestmír Rozmahel, quando il 18 giugno 2017 si trasferì al FC Valdarados de Rio Tinto per € 3.299.000. La maggior spesa è stata invece di € 5.150.000 per l'acquisto di Max Kernweis, portiere tedesco prelevato il 14 settembre 2018 dal BSV Stilles Wasser.

Il record di hatstats del PSVM è di 486, registrato alla 2ª giornata della stagione 71 contro Pizzosecco.

Statistiche individuali[edit]

Kenny Weissengruber è colui che vanta più presenze in partite di campionato, avendone raccolte 197 tra le stagioni 54 e 70. Il miglior marcatore è Alois Moreno, con 54 reti in partite di campionato, mentre Cas Roozen, per conto suo, è il giocatore del PSV Milano ad aver segnato più goal nelle coppe, con 24 marcature in sedici apparizioni. L'olandese detiene inoltre il record di goal segnati in una stagione, avendo trovato la rete per ben 24 volte durante la stagione 64.

Record presenze
España Kenny Weissengruber (389306335) 295
Schweiz Alois Moreno (390182513) 283
Türkiye Vecdet Demirtaş (390659267) 274
Sverige Robert Larsson (290134278) 117
Česká republika Hugo Hon (353985699) 114
Česká republika Čestmír Rozmahel (367489371) 113
Belgium François-Xavier Henneaux (369836342) 109
Nederland Derek Kroon (293049515) 105
Bulgaria Ivan Gigov (274574250) 104
Polska Roman Nieciąg (262139300) 101
Record reti segnate
Schweiz Alois Moreno (390182513) 92
España Kenny Weissengruber (389306335) 79
Belgium François-Xavier Henneaux (369836342) 69
Nederland Cas Roozen (339908322) 65
Türkiye Vecdet Demirtaş (390659267) 63
Nederland Derek Kroon (293049515) 50
France Vladimir Cateau (296051862) 45
Deutschland Rainhardt Schleife (384001852)
Deutschland Federico Cau (272303238) 39
Sverige Daniel Läfvenland (366880901) 37

Bandierine[edit]

La squadra ha collezionato 39 bandierine casalinghe e 30 in trasferta; 24 paesi sono stati sia visitati che ospitati, e 45 paesi sono stati visitati oppure ospitati.

PSV Milano ha ospitato squadre dalle seguenti nazioni:

Argentina Belgium Bosna i Hercegovina Brasil Bulgaria Canada Česká republika Chile China Danmark Deutschland England España France Hattrick International Hellas Hrvatska Iran Ireland Israel Italia Jamaica Latvija Liechtenstein Magyarország México Nederland Norge Polska Portugal România Rossiya Schweiz Slovensko Suomi Sverige Türkiye USA Venezuela

PSV Milano ha sfidato squadre nelle seguenti nazioni:

Al Yaman Argentina Belarus Belgium Bolivia Bulgaria Canada Česká republika Danmark Deutschland Eesti England España France Hellas Hrvatska Ísland Iran Italia Magyarország Nederland Norge Österreich Polska Portugal România Rossiya Schweiz Türkiye USA

Organico[edit]

Rosa[edit]

# Naz Pos Giocatore
1 Deutschland P Max Kernweis
2 Việt Nam D Nguyễn Nguyên Vị
3 Deutschland D Heinz-Dieter Balles
4 Ghana D Curtis Danquah
5 España C Kenny Weissengruber
6 Türkiye C Vecdet Demirtaş
7 Jamaica C Clyde Hall
8 Schweiz C Alois Moreno
9 France A Didier Taupin
10 Belgium A François-Xavier Henneaux
11 Andorra A Albert Beneito
12 Kampuchea A Rathana Ouk
15 China C Tao Qisheng

Staff[edit]

Allenatore Italia Valerio Sani
Settore medico Italia Giuseppe Muggiasca
All. primavera Italia Felice Lorenzon
Capo osservatori Italia Ciro Tugnoli
Psicologo sportivo Italia Antonio Mazzoldi

Collegamenti esterni[edit]